domenica 25 ottobre 2009

Bosco Solivo







Chi ha dimenticato un paio di scarpe Salomon negli spogliatoi maschili?

mercoledì 14 ottobre 2009

Arge Alp







Week end in un posto spettacolare. L'altopiano dell'Engadina ha ospitato circa 600 atleti per due giorni di gare veramente all'altezza di una manifestazione internazionale. Organizzazione ottima (siamo in Svizzera...) con la gara in staffetta del sabato un po' rovinata dalla pioggia, ma con una temperatura ancora accettabile. Ho potuto ammirare la corsa del numero 1 mondiale, che umilmente ha dato man forte al suo cantone, rimontando 5 posizioni in staffetta e facendo logicamente il miglior tempo con un grosso margine su tutti. Hubmann ha anche partecipato alla cena (perfetta!!! Stavo quasi male dai dolci che ho mangiato...) e alle premiazioni, rimanendo quasi in seconda linea sul podio, forse per non rubare la scena ai suoi compagni di staffetta. Un personaggio che avrebbe tanto da insegnare a tantissimi campioni sul come comportarsi verso gli altri ed ad avere rispetto verso i propri fans. Ma chi l'ha costretto a partecipare ad una manifestazione, per lui di secondo piano, se non la passione?
A parte prestazioni di Hubmann, scontate si....ma non credo che si sia risparmiato, c'è da annotare diverse performance dei nostri atleti. Su tutti Luca Dallavalle e Christine (addirittura la migliore nella sua staffetta....maschile!), ma anche qualche giovane atleta lombardo è salito sul podio e correndo su di un terreno non molto veloce, si sono ottenute delle ottime medie. I distacchi dai vincitori di categoria veramente contenuti, segno che qualche cosa nel nostro settore giovanile sta cambiando. L'unico peccato è stata la partecipazione un po' meno numerosa rispetto alle altre regioni, soprattutto nelle categorie master e con qualche elemento di spicco che ha dato forfait. La compagnia è stata comunque ottima e lo spirito mi è sembrato sempre il solito. Peccato che queste manifestazioni non siano proprio "sentite" dal movimento orientistico lombardo, però in questo caso: beato chi c'era!

lunedì 5 ottobre 2009

Vallombrosa


A breve un commento...oppure se volete già metterne uno vostro fate pure!













Allora....

mi è sembrato, sentendo vari pareri, che il bosco di Vallombrosa sia veramente bello e adatto ad una grossa manifestazione. Già nell'allenamento di sabato ne ho avuto una dimostrazione, anche se il tracciato si sviluppava nella parte meno alta della cartina e forse il terreno è risultato un po' più sporco. Con Stephen però ho avuto la sensazione che in alcuni punti il disegno non era preciso, con alcuni dettagli non segnati in carta, ma che a nostro parere erano ben rilevanti. Soprattutto le numerose canalette spesso erano state omesse e potevano trarre in inganno. Anche i verdi erano molto attraversabili (cose che nelle brughiere lombarde difficilmente capita... e io non mi sognerei mai ad azzardare un taglio!). Sono stati dei riscontri che il giorno dopo avrebbero potuto darci una mano. Purtroppo nella gara di Domenica le sensazioni non erano le migliori e la foga agonistica spesso non fa ragionare bene...mi sono trovato subito a disagio con le distanze nella scala a 15.000 e ho perso più di 3 minuti al primo punto. Una caduta alla 6 (travolgendo la lanterna e procurandomi brutte botte su un ginocchio, polso sinistro e gomito destro), un minuto perso alla 16 e poi sono finito direttamente alla 18 (lo stesso errore di Stegal), perdendo anche lì quasi 2 minuti. Poi la rampa finale...la tratta dove quasi tutti mi hanno staccato e mi sono reso conto che in questa gara, con la condizione avuta in Boemia questa estate, avrei fatto una gara completamente diversa: il terreno era il mio preferito, difficile trovarne in giro così bello. Un grande peccato la mancanza di A. Grilli: si sarebbe divertito!

Un dilemma: guardando gli split dell'MElite alcuni tempi sono proprio sfasati...come mai ogni tanto succede questo?

Io non ero mai stato in Vallombrosa e questo bellissimo posto mi ha colpito positivamente, peccato per il fisico che non regge più, anche con distanze inferiori ai 10 kmsf. Non ho sicuramente invidiato i partecipanti dell'Elite...ho visto parecchia gente stravolta!

Devo ricominciare ad allenarmi, non intendo "allenarmi seriamente"...devo solo ricominciare ad allenarmi!

Penso che nell'organizzazione di questa importante manifestazione sia filato tutto liscio, e ora che la stagione sta finendo, mi rendo conto che quest'anno ho partecipato a delle gare veramente belle, con cartine e tracciati all'altezza delle mie aspettative. Ora manca l'Arge Alp, lo sprint finale delle gare lombarde e Venezia, per chiudere un'ottima stagione di divertimento (ma non di risultati!!!)